Il questionario rivolto ai pazienti con malattie bollose. Scadenza il 31 luglio

E’ disponibile per i pazienti e le loro famiglie il questionario breve e semplice utile ad aggiornare i Lea (Livelli Essenziali di Assistenza) cioè le prestazioni e i servizi che il Servizio Sanitario Nazionale è tenuto a fornire ai cittadini. L’Associazione ha, in questo periodo, ricevuto diverse segnalazioni da tutte le regioni, ringraziamo dunque i soci: la Dottoressa Giovanna Gemmato e il Dottor Giuseppe Cianchini che si stanno occupando dei diritti dei pazienti ed hanno preparato il questionario.

Il termine è il prossimo 31 luglio, compila e racconta la tua esperienza

https://www.survio.com/survey/d/J2W2H8M9A3G4H8I1V?fbclid=IwAR3QMqqWHwFNv_5zVDoOTCZ5aRfzMeqMJG2elEO4nxCemUQgOEox4zV_UH4

6 commenti su “Il questionario rivolto ai pazienti con malattie bollose. Scadenza il 31 luglio”

  1. PAOLO GIOVANNINI

    Ho un penfigo dal 2009, dopo oltre un anno di cure, cortisone, immonoglobuline umane, ecc. guarito con retuximab, ogni due anni circa nuovo ciclo per mantenimento. Curato da Prof. Caproni di Firenze.

  2. Elisabetta Bori

    Ho il penfigo dal 2013
    Curata con Rituximab all’IDI dal dott.Didona.
    Ho avuto diverse rixadute ma devo la vita a questo professore che svolge il suo lavoro cone fosse una mussione.

    1. Zaroli Leonardo

      Salve ho un figlio di 29 anni
      Ha scoperto il pemfigo volgare a a 25 anni 2015. Subito andati dal Dottor Didona all’idi , fatto subito rituximab ottobre/novembre 2015
      Da allora grazie a Dio non ha avuto più bisogno di nulla.
      Speriamo duri ancora l’effetto. Dobbiamo tutto al dottor Didona eterna riconoscenza ! Dio lo benedica ❤️

  3. Daniela Galieti

    Ho il penfigoide bolloso dal 2015 ,curata con cortisone .
    Il 5 luglio 2019 ho avuto una ripresa della malattia ,curata all’idi .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.